SPORT E NATURA



Al Passo Mortirolo da Mazzo di Valtellina

Una tra le epiche salite della storia del Giro d'Italia

Se volete confrontarvi con la storia del ciclismo, con voi stessi e con il mal di gambe, allora il Mortirolo da Mazzo di Valtellina è quel che fa per voi! Stiamo parlando di una delle salite più dure al mondo che mette in comunicazione Valtellina e Valcamonica: 12,4 km spaventosamente impegnativi, partenza da 552 m. s.l.m. di Mazzo e arrivo ai 1852 m. s.l.m., con una pendenza media del 10,5 % e picchi che superano il 20%.

Il tratto più duro lo si incontra dopo circa 4 km, quando ci si lascia alle spalle la chiesa dedicata a San Matteo. Proprio qui le pendenze diventano disumane e molti ciclisti devono mettere il piede a terra. In questo tratto è nato il mito di Marco Pantani che seppe staccare, per la prima volta, il grande Miguel Indurain. Correva l'anno 1994 e su queste rampe esplose uno dei più grandi scalatori che si siano mai visti.

La prima volta del Mortirolo al Giro d'Italia fu però effettuata in discesa con il venezuelano Leonardo Sierra che rischiò  la vita, cadendo più volte, pur di arrivare per primo al traguardo di Aprica. Negli anni '90 memorabili le sfide tra Franco Chioccioli, Gianni Bugno e Claudio Chiappucci in un primo momento e poi Paolo Savoldelli con Ivan Gotti e Gilberto Simoni. In epoca più recente, il Mortirolo ha incoronato Ivan Basso nel 2010 e Alberto Contador nel 2015.

Lunghezza
12,4 Km
Punto di partenza
Mazzo di Valtellina
Punto di arrivo
Passo Mortirolo
Periodo
primavera, estate, autunno
Quota di partenza: 552 m. s.l.m.
Quota di arrivo: 1852 m. s.l.m.
Dislivello: 1300 m
Km. totali: 12,4 km
Pendenza media salita: 10,5%
Pendenza massima salita: 20%


Mappa percorso

Materiale scaricabile

File GPX Passo Mortirolo da Mazzo

Info e dettagli

INFOPOINT TIRANO
+39 0342 706066 
iattirano@valtellinaturismo.com
 



Da non perdere


Informativa sulla privacy

© 2021 - Consorzio Turistico Media Valtellina - P.IVA 00824670145